La scelta di Spanò: “Calcio addio, sarò matto ma vado all’estero a studiare”

Alessandro Spanò, 26 anni, capitano della Reggiana promossa in B e neolaureato

Il capitano della Reggiana si è laureato in Economia il giorno dopo la promozione in B e ha vinto una borsa di studio. Il ministro Spadafora: “Un esempio”

“La finale dei playoff col Bari, come nemmeno nelle migliori sceneggiature di un film a lieto fine, è stata la mia ultima partita”. Alessandro Spanò, capitano della Reggiana, lascia il calcio a 26 anni, per proseguire gli studi all’estero, una settimana dopo aver conquistato il traguardo più alto della carriera e aver contribuito al ritorno dei granata in Serie B, dopo 21 anni.

Una scelta decisa da tempo, ma comunicata soltanto ieri mattina a società e compagni, nella sorpresa generale. “È stato necessario agire così, per non distrarli durante i playoff – ha spiegato Spanò -, ora è arrivato il momento di seguire il cuore. Ci sono altre parti di me che sgomitano, prendo un’altra strada che mi porterà lontano dal calcio. Ho ottenuto una borsa di studio e l’ammissione in una Business School internazionale. Comincia un nuovo capitolo di questo gioco infinito che è la vita. Il mondo mi sta aspettando. Forse sono un po’ matto, lo so, ma la ragione non ha sempre ragione”. Spanò si era laureato in Economia e Management aziendale, all’Unicusano, università telematica, col massimo dei voti, giovedì scorso, proprio all’indomani della finale.

Due giorni memorabili, che avevano attirato anche l’attenzione del ministro per le politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora, che si era complimentato su Facebook: “La sua storia può essere da esempio per tanti ragazzi”. Spanò ha vinto una borsa di studio con la Hult International Business School e da settembre seguirà un progetto di 20 mesi, strutturato su due Master, International business e Disruptive business, dividendosi tra Londra, Shanghai e San Francisco. Sveste la maglia granata dopo sei stagioni (187 partite e 15 gol, l’ultimo ha deciso la semifinale playoff col Novara), lasciando un vuoto nella squadra che lo vedeva punto fermo della difesa e in una tifoseria che perde uno dei suoi idoli, esemplare anche sotto il profilo umano.

Esta entrada fue publicada en 未分类. Guarda el enlace permanente.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *