Juve, la rivoluzione che non c’è stata è colpa di tutti

Da sinistra Sarri, Agnelli, Paratici e, seminascosto, Nedved. Getty Images

I successi del presente si nutrono ancora del passato e della tradizione. Se un giocatore era adatto ai metodi di Allegri, non poteva esserlo anche a quelli radicalmente diversi di Sarri

Quando, un anno fa, Maurizio Sarri sbarcò sul pianeta Juve, tornarono in mente le parole di Ennio Flaiano che descriveva l’arrivo di un marziano a Roma. “La gioia, la curiosità è mista in tutti ad una speranza che poteva sembrare assurda ieri e che di ora in ora si va facendo più viva. La speranza ‘che tutto cambierà'”.

Esta entrada fue publicada en 未分类. Guarda el enlace permanente.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *